1. Home
  2. Accessori di design
  3. Diesis e Bemolle, i nuovi pannelli acustici
Accessori di design

Diesis e Bemolle, i nuovi pannelli acustici di Mendini

| redazione designbest

“N

on chiedetemi che cos’è, perché non lo so…” A sussurrarcelo con un sorriso d’intesa è stato proprio Alessandro Mendini in persona, mitico designer che guarda caso è l’autore di questo “misterioso” oggetto.

E’ successo al Salone del Mobile, nello stand di Caimi Brevetti. Un incontro inatteso, che ci ha svelato i retroscena di un progetto inaspettato e geniale, come sa essere Mendini.

Noi, davanti a una colonna sinuosa e colorata con una tenda drappeggiata appesa dietro, attendevamo perplessi che qualcuno “ci spiegasse”. E lui, il grande maestro del design del Novecento, è apparso alle nostre spalle come per magia. “Mi hanno chiesto di fare un vestitino…” ci ha detto ammiccante e con un pizzico di ironia. Di chi stesse parlando l’abbiamo capito subito (è Caimi Brevetti che ha chiesto il suo aiuto per le nuove proposte del 2015), ma non era chiaro, ancora, di “cosa” stesse parlando.

Finalmente Mendini ha soddisfatto la nostra curiosità e ci ha illustrato una piccola brochure. Mistero svelato: eccoci davanti ai due nuovi progetti acustici, Dieses e Bemolle, realizzati con l’innovativa tecnologia brevettata Snowsound-Fiber. Sono i due pannelli acustici firmati Atelier Mendini (dei due fratelli Alessandro e Francesco Mendini), dalla forma a dir poco innovativa. Impossibile indovinarlo anche dopo averli osservati bene. Sono così originali che fanno pensare a tutt’altro. “Ma la tecnologia è all’avanguardia” ci assicura Mendini “ogni piega, ogni curvatura, è studiata al millimetro per garantire la migliore efficacia (nell’assorbire i suoni). Niente è casuale, nemmeno la più piccola linea”.

Il tessuto con cui sono realizzati è in morbide fibre di poliestere con ioni in argento, ed è già, di suo, “miracoloso e misterioso” come l’ha definito lo stesso Mendini. Ma il segreto di questi pannelli è nascosto nell’interazione tra le speciali fibre acustiche, con proprietà ignifughe e batteriostatiche, e il particolare design: una combinazione perfettamente studiata e calibrata per limitare il riverbero acustico negli ambienti. Un tessuto che assorbe i suoni in base a precise curvature. Materiale perfetto per Mendini, che delle curve sinuose ha fatto, da sempre, il suo linguaggio. La struttura autoportante in acciaio, poi, completa i plus dei pannelli, che si possono sistemare ovunque, persino a centro stanza. Proprio come “un vestitino”, da indossare dove si vuole. 

condividi su: