| redazione designbest

“U

na casa è una macchina per abitare”. E una poltrona? “Una relaxing machine” naturalmente! Ecco il pensiero di Charles-Edouard Jeanneret Gris, all’epoca Le Corbusier, mentre progettava quella che sarebbe diventata, in breve tempo, l’emblema della chaise-longue. LC4, poltrona (così definita) amata, sognata e osannata: un’icona assoluta, un successo interminabile. Chissà se Le Corbu immaginava tanta notorietà mentre la disegnava. E pensare che l’ispirazione era arrivata semplicemente dalla voglia di relax, anzi da una pausa relax “rubata” a Charlotte Perriand, immortalata mentre, appunto, riposava su un primitivo modello di chaise-longue con materassino autoportante fissato alla struttura.

Un archetipo, che si è subito trasformato nella “relaxing machine” per eccellenza. Una macchina, sì, perché per Le Corbusier, maestro indiscusso del Movimento Moderno, ogni progetto era come una macchina creata secondo i dettami del bauhaus. Il prototipo di LC4  del 1928 in realtà è stato creato in team con Pierre Jeanneret e la compagna Charlotte Perriand. Essenziale, funzionale, quasi estrema, LC4 si gioca tutto sul sistema d’appoggio semplice ed ergonomico, una culla in acciaio sostenuta dal piedistallo sempre in acciaio.

La genialità? Proprio la sua forma curva, in grado di oscillare assecondando l’inclinazione del corpo, e resa più accogliente grazie a un’esile materassino e a un poggiatesta imbottito cilindrico. Come dire, pochi tratti precisi e Le Corbusier ha rivoluzionato il concetto di poltrona e l’ha trasformato nel simbolo della rivoluzione moderna del design. E’ bastato presentarla un anno dopo al Salon d'Automne, infatti, con l'evocativo nome di Chaise Longue à réglage continu perché segnasse immediatamente e definitivamente la storia del design. Successo immediato.

Anche se è stato solo nel 1964 che Cassina ha cominciato a produrla in esclusiva e a distribuirla in tutto il mondo, LC4 ha conquistato a prima vista e continua a ricevere consensi. Sarà per la sua comodità intramontabile, che ha sempre regalato un relax assoluto e su misura, sarà per la sua funzionalità dinamica, votata sì al riposo, ma diurno e veloce, che sembra proprio stare al passo con i tempi. O sarà proprio per il suo meccanismo geniale, che non ha ancora trovato rivali e riesce a essere tuttora semplicemente innovativo. Fatto sta che la chaise-longue LC4 proposta nella collezione I Maestri da Cassina, è uno di quegli arredi che vivono al di fuori dello spazio e del tempo: unica, inimitabile (eppure copiatissima), celebratissima, coniuga alla perfezione funzionalità ed estetica e a distanza di quasi 90 anni mantiene intatta la sua originalità.

condividi su: