1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Mate di De Padova, l'intramontabile comodino multitasking
Oggetti

Mate di De Padova, l'intramontabile comodino multitasking

| redazione designbest

T

avolino, vassoio, poggiapiedi: in camera da letto un complemento così è una vera comodità. Perché sostituisce il comodino, ci offre la colazione sotto le lenzuola e si sposta con noi in salotto, per farci stendere le gambe davanti alla tv. Se poi pensiamo che sta per compiere 25 anni, è proprio il caso di fargli festa.

 

  • Cos’è Mate di De Padova, il tavolino vassoio.
  • Cos’ha di speciale Non è nato proprio ieri (ha quasi 25 anni) eppure è un arredo che sa stare al passo con i tempi e con i nostri frenetici capricci. Accanto al letto è un comodino pratico ed essenziale, se abbiamo voglia di fare colazione tra le lenzuola il piano diventa subito un vassio e se invece vogliamo rilassarci alla sera davanti alla tv si sposta con noi (tanto è pieghevole e leggerissimo) ed ecco che la struttura con le cinghie diventa un poggiapiedi perfetto. Più versatile e contemporaneo di così.
  • Com’è fatto Ha una struttura leggera e pieghevole in massello di faggio naturale, con cinghie in cotone blu su cui è appoggiato il piano vassoio asportabile. E' disponibile in due misure, anche nella versione Mini Mate (più piccolo e più alto).
  • Di chi è l’idea Achille Castiglioni (1918-2002) architetto e progettista italiano che ha saputo tracciare la storia del design (basti pensare che è stato uno dei fondatori dell'ADI nel 1956 e ha vinto ben 9 Compassi d'Oro). Geniale inventore di stili di vita, grazie alla sua capacità visionaria e alla voglia di "risolvere" problemi o "assolvere" funzioni, ha saputo trasformare i suoi progetti in soluzioni geniali, innovative eppure "quotidiane" e senza tempo.
  • Ci piace perché E' semplice, discreto, leggero e ha un'aria nordica che non passa mai di moda. Ma il suo vero punto forte è che, anche dopo tanti anni, è sempre un maggiordomo perfetto. Achille Castiglioni, infatti, l'ha disegnato nel 1992, eppure è così attuale e "scattante" che anche oggi segue i nostri ritmi e anticipa alla perfezione i nostri desideri.

 

condividi su: