1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Nathalie di Flou: il letto da sogno

Flou, letto Nathalie

| redazione designbest

I

conico, intramontabile e sempre chic. Il letto in tessuto disegnato da Vico Magistretti nel 1978 ha la stessa età di Flou, e ancora oggi continua a farci sognare: tutto merito della sua aria moderna o di quel tocco romantico, con quei fiocchetti laterali. Ma soprattutto della sua praticità rilassata che lo rende, nonostante gli anni, un vero passepartout.

 

Cos’è Nathalie di Flou, letto in tessuto con contenitore.

Cos’ha di speciale Ai tempi (nel 1978) ha rappresentato un'innovazione formale e strutturale, perché ha inserito il concetto di armadio/contenitore sotto il letto. Oggi rappresenta l'archetipo del letto in tessuto imbottito e sfoderabile, senza tempo e perfetto per qualunque stile.

Com’è fatto E' rivestito in tessuto, ecopelle o pelle sfoderabili grazie alle comode chiusure in velcro, ha la struttura imbottita, lo schienale reclinabile manualmente e un vano contenitore alla base, dove riporre biancheria e accessori. Oggi può essere personalizzato con base rigida, base Comfort, base contenitore, base fissa (alta cm 16 o cm 25) e con base con rete a movimento elettrico.

Di chi è l’idea Vico Magistretti, maestro del design e dell'architettura che ha saputo ridisegnare i tratti della cultura del progetto collezionando moltissimi premi e Compassi d'Oro. Il suo stile sempre innovativo è fondato sulla sperimentazione continua di materiali, di soluzioni spaziali, di forme e funzioni lontane nel loro rigore dalle mode.

Ci piace perché Ha quel fascino indiscusso e leggero delle icone di stile, ed è proprio quel suo stile discreto e senza tempo che lo rende così speciale. Perché un letto così versatile, dalla spiccata contemporaneità stilistica e progettuale nonostante i suoi quasi 40 anni, si adatta a qualunque casa e rende la nostra camera da letto subito più comoda, accogliente e "su misura" per noi.

 

condividi su: