1. Home
  2. Inspiration
  3. Cucine
  4. Cucina retrò "couture"
fonte: Marazzi Ceramiche
| redazione designbest

L

 

a cucina punta su contaminazioni vintage, richiami rustici e materiali grezzi: sono i tre must che ricreano l’atmosfera industriale dei classici loft newyorkesi. E sembrano fatti apposta per scaldare il cuore della casa e regalarci uno spazio dal fascino retrò, ma squisitamente avantgard

 

 

I pezzi base

La cucina a gas. Decisamente retrò, meglio se tipica degli anni Cinquanta. Smaltata in toni pastello (magari panna, proprio come quelle di una volta), con pomoli tondi e maniglioni.

 

Le lampade a soffitto. Ispirate alle classiche luci da officina, possono essere originali, nello stesso stile rustico o semplicemente imitare le grandi plafoniere. Lo stile però è sempre glam.

 

Gli sgabelli. Rigorosamente in ferro o lamiera. Da mescolare a sedie diverse una dall’altra, in legno o ferro.

 

Gli accessori. Vintage, anni Cinquanta, in acciaio. Dal tostapane bombato ai barattoli di latta, i piccoli dettagli richiamano la cucina della nonna.

 

I dettagli di stile

 

Ferro e lamiera. Ovvero, uno dei materiali grezzi che meglio rappresentano lo stile della fabbrica. Deve essere presente nei mobili, ma può spiccare anche dalle tubature lasciate volutamente a vista.

 

Superfici pratiche e materiali naturali e "umili". Come il legno (qui il pavimento è in gres porcellanato ma effetto legno), che dà un’aria vissuta e familiare.

 

 

Arredi essenziali. Pochi pezzi dal design minimale, che puntano alla praticità d’uso.

 

 

Oggetti recuperati. Nei mercatini, in cantina, nella casa della nonna. Il vintage è d'obbligo.
condividi su: