1. Home
  2. Progetti
  3. Da piccionaia ad attico con arredo work in progress
| redazione designbest

U

n semplice sottotetto malconcio, praticamente una piccionaia, è stato trasformato dagli architetti milanesi Barbara Patrizio e Nadia Freducci in un luminoso appartamento con terrazzo per una coppia con due figli che stanno crescendo e aveva bisogno di più spazio. L’intero edificio, una modesta palazzina di tre piani, è diventata, grazie a questa ristrutturazione, un dignitoso piccolo palazzo con un’elegante facciata e un nuovo, moderno tetto rialzato.

 

living con la cucina aperta, il bancone e il tavolo da pranzo

L’open space del living con la cucina aperta con il bancone e il tavolo da pranzo trovato dal rigattiere al centro dello spazio davanti al grande terrazzo che dà sul cortile interno.

Il tetto è stato completamente rifatto, mantenendo la linearità della precedente struttura piuttosto malconcia.

Il tetto è stato completamente rifatto, mantenendo la linearità della precedente struttura piuttosto malconcia.

 

Siamo a Sesto S. Giovanni, con più di ottantamila abitanti il comune più grande della cintura milanese, nel secolo scorso uno dei maggiori centri industriali d’Italia chiamato “La città delle fabbriche”. Negli ultimi decenni le sirene delle fabbriche, che qui ritmavano i giorni, si sono via via spente, dalla Falck alla Magneti Marelli, la Breda e anche alla Campari che è proprio vicina all’appartamento. Le aree sono state in parte già riqualificate. Uno dei progetti più grandi è l’intervento alle aree Falck, disegnato da Renzo Piano, paladino delle periferie, che purtroppo inseguito a importanti incomprensioni di contenuto architettonico ha appena abbandonato amareggiato il progetto. La speranza è che la riqualifica prosegua nella direzione giusta per i cittadini, perché alcune delle vie limitrofe, come quella della nostra famiglia di Sestesi stanno già profittando della nuova qualità della vita.

 

l’edificio prima dell’intervento e a ristrutturazione ultimata

A sinistra l’edificio prima dell’intervento e a destra la ristrutturazione ultimata con il nuovo tetto che ospita la casa dei proprietari. Sullo sfondo l’imponente nuova area della Campari.

La sede storica della Campari nel 1904 e ora fra i nuovi edifici realizzati su progetto dell’architetto Mario Botta.

La sede storica della Campari nel 1904 e cento anni dopo, inglobata nei nuovi edifici realizzati nel 2009 su progetto dell’architetto ticinese Mario Botta.

 

In questo progetto di ristrutturazione le infinite complicazioni che comportano gli interventi sull’esistente si sono avverate tutte e, se l’acquisto è stato un ottimo affare, i lavori effettivamente necessari sono stati una brutta sorpresa per la famiglia. Di conseguenza sono state bandite ulteriori spese per gli interni, bagni esclusi. Il Leitmotiv è stato è stato “il massimo risultato con il minimo della spesa”, il sistema più economico per sistemare al posto giusto un arredo semplice ma di buon gusto in attesa che ci si possa concedere qualche pezzo di pregio.

 

Piastrelle pavimenti con effetto cemento di Atlas Concorde.

Le travi portanti della nuova copertura sono molto distanziate fra di loro e dipinte in rovere sbiancato per rendere l’insieme più leggero. Seguono il ritmo delle nuove finestre che possono sfruttare tutta l’altezza. Piastrelle pavimenti con effetto cemento di Atlas Concorde.

Cucina in acciaio con top in listellare di rovere (Ikea) per uno stile industriale e simpatico.

Cucina in acciaio con top in listellare di rovere (Ikea) per uno stile industriale e simpatico.

 

La soluzione è un arredo provvisorio dallo stile un po’ minimalista e un po’ industriale. Dai pezzi del rigattiere ai mobili semplici ed economici dell’Ikea, di quelli che sopportano anche qualche danno intanto che i figli crescono. Semplice anche la scelta cromatica neutra con il pavimento di grandi piastrelle grigie ad effetto cemento e il legno del tetto in rovere sbiancato che lascia intravvedere la venatura. Alcuni accenti decisi, come la parete nera che dietro la cucina chiude il lungo l’open space del living, sottolineano gli scorci più significativi.

 

arredo è minimal a favore di una grande cabina armadio

La camera da letto dei genitori. L’arredo è minimal a favore di una grande cabina armadio inserita sul lato del corridoio che contiene tutto quello che non è necessario vedere.

Un grande asse di legno di recupero per il piano lavabo. Ceramiche di Ceramiche Globo

Un grande asse di legno di recupero per il piano lavabo. Ceramiche di Ceramiche Globo

 

L’appartamento ha un’atmosfera vagamente nordica, essenziale, ma anche calda e confortevole. Gli architetti hanno innanzitutto creato il contenitore, curando tutte le finiture in attesa che questa luminosa mansarda possa essere nobilitata con dei bei pezzi di design. Nel frattempo l’arredo attuale se la cava egregiamente nella sua semplicità, pratica e funzionale. Come ci dice Barbara Patrizio vedendo il bicchiere mezzo pieno “Adesso la casa è abitabile, funziona e ha un suo charme. E abbiamo un po’ di tempo per studiare molto bene i pezzi di design da inserire”. 

 

image

Project info

Ristrutturazione del sottotetto di una palazzina di tre piani in città

Luogo: Sesto S. Giovanni, Milano, Italia
Piani: 1 mansarda
Dimensioni: 200 mq + terrazzo
Tempi di realizzazione: 24 mesi

Progettazione architettonica e interior design:
Barbara Patrizio Design Lab e Nadia Freducci
via Rubens 20, Milano, Italia
Tel: 0039 02 36 58 6576
Email:  barbarapatrizio@gmail.com

www.barbarapatrizio.com

Foto:
Credits Arianna Palano
Courtesy Barbara Patrizio

condividi su: