1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Eventi
  4. I LOVE XXL : vince Oplus+, la ceramica con il “+”

Premiazione concorso "I LOVE XXL" by Quartarella e Ornamenta (da sinistra: R. Quartarella, D. Tonelli per Ornamenta, L'Arch. A. Zanzarella, C. Quartarella e l'Arch. E. Calabrese)

| redazione designbest

S

i chiama Oplus+, nuove forme di positivismo il progetto che ha vinto il concorso di design I LOVE XXL organizzato dal Centro Edile Quartarella, negozio specializzato dal 1949 in pavimenti, rivestimenti e bagni in collaborazione con Ornamenta, brand ceramico di Gamma Due.

A sfidarsi nella competizione, nei mesi scorsi, sono stati studenti, designer e architetti nati o residenti in Puglia e Basilicata e provenienti dalle Università di Architettura, Design, Scuole o Istituti di Design e Accademie di Belle Arti. Per tutti l’obiettivo era creare una nuova linea ceramica di grande formato e a conquistare la giuria e il podio ci ha pensato l’architetto Alessio Zanarella di Sava (TA), con l’originale e geometrico concept a mosaico Oplus+.

Oplus+, che secondo i giudici ha saputo “sovvertire gli schemi mentali ceramici rendendo protagonista il segno + e creando il pattern ideale per gli interni più contemporanei”, rappresenta una sorta di maglia regolare che gioca con segni e simboli componendo una nuova idea di mosaico.

L’ispirazione nasce dalle classiche fughe delle piastrelle, che l’architetto ha saputo trasformare in un motivo ornamentale attuale e insolito. Come? Trasformando il “+” (da qui il riferimento alla corrente filosofica del Positivismo) nel protagonista assoluto di rivestimenti in ceramica dinamici e inaspettati. Anche se la griglia di base è regolare, infatti, i singoli segni che la compongono sono ruotati rispetto al loro centro con angoli differenti, come se fossero sotto l’effetto di un “flicker”, e alcuni sono addirittura sottolineati da una tinta in contrasto.

Risultato: un pattern geometrico, componibile e personalizzabile all’infinito, che replica un segno all’apparenza essenziale senza diventare, però, mai banale. Per ora è solo un prototipo, ma sarà compito dei tecnici di Ornamenta valutare come e quando metterlo in produzione creando una nuova collezione.

condividi su: