1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Eventi
  4. Le età del Grattacielo: in mostra la storia del “Pirellone”

Mostra "Le età del Grattacielo", La Triennale di Milano

| redazione designbest

C

hi non lo conosce? Il grattacielo Pirelli, noto ai più con il soprannome “Pirellone” è un simbolo industriale della città di Milano e un capolavoro di architettura tutto italiano (a firmarlo sessant’anni fa sono stati, fra gli altri, Gio Ponti e Pier Luigi Nervi). E a raccontarlo in occasione della XXI Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, ci pensa la mostra Le età del grattacielo: il Pirelli a sessant’anni dalla posa della prima pietra.

La mostra ci presenta un palazzo dall’architettura innovativa, sotto una luce inconsueta: cioè come un vero organismo vivente, che si evolve e trasforma nel corso del tempo e che richiede continue e nuove cure e attenzioni. Sono 4 le fasi che scandiscono la vita di questo edificio, nato da un sito industriale dismesso e diventato da subito il riferimento di una città in completa evoluzione, tanto da ospitare a lungo la sede la Regione Lombardia.

I primi dieci anni passano dal progetto travagliato al cantiere sorto sul vecchio sito della Brusada danneggiato dalla guerra (dal 12 luglio 1956 al 4 aprile 1960), dall’accoglienza critica e non troppo entusiasta della critica architettonica, all’affetto invece immediato dei milanesi che lo accolgono subito come fonte d’ispirazione per nuovi edifici alti.

La fine degli anni Settanta ci accompagna verso la seconda “età” del Pirellone, quando passa in mani pubbliche e diventa sede della Regione Lombardia, con diversi conseguenti interventi che modificano soprattutto gli spazi interni. Fino alle soglie del nuovo millennio, nel 2002, che tutti ricordano per il terribile incidente aereo che segna la fine “momentanea” del palazzo Pirelli e della terza età.

La rinascita dell’edificio però non tarda molto ad arrivare: siamo nella quarta fase, definita dal restaurato del palazzo come capolavoro dell’architettura moderna italiana.

L’allestimento ci accompagna in questo racconto attraverso pannelli carichi di fotografie, disegni, documenti e citazioni suddivisi in quattro aree distinte, definite da quattro immagini simbolo nel ventiseiesimo piano della memoria, teatro dell’incidente del 2002. E’ soprattutto la forza evocativa delle immagini, infatti, a proiettarci nei sessant’anni di storia del Pirellone: tra emozioni, ricordi, spunti e riflessioni su uno degli edifici simbolo di Milano, icona dell’architettura moderna.

 

Dove: Palazzo Pirelli, via Fabio Filzi 22, Milano
Quando: fino all’11 settembre 2016

 

condividi su: