1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Eventi
  4. “Stanze. Altre filosofie dell’abitare” alla Triennale di Milano

STANZE. Altre filosofie dell’abitare (Fabio Novembre – INTRO)

| redazione designbest

U

no zoom sull’architettura d’interni, attraverso la visione di undici architetti. Ecco cosa ci riserva “Stanze. Altre filosofie dell’abitare”, la grande mostra curata da Beppe Finessi, che si collega alla XXIa esposizione della Triennale Internazionale d’Architettura di Milano.

Dal 2 aprile al 12 settembre 2016, gli 11 progettisti coinvolti mandano in scena la loro personalissima idea di stanza e ci raccontano, ognuno con una chiave di lettura diversa, tante filosofie dell’abitare.

C’è “Circolare, circolare”, con cui Manolo De Giorgi ci racconta il suo concetto di abitare dinamico (infatti a definire lo spazio ci sono strisce di 80 cm accostate una all’altra fino a formare infiniti corridoi fluidi e in continua trasformazione). C’è “La Vien en Rose” di Lazzarini Pickering, una piccola utopia domestica pensata per una coppia, che produce in totale autonomia le riserve energetiche necessarie. E c’è la stanza progettata da Alessandro Mendini, una sorta di prigione con pareti in laminato, decori geometrici e giochi di specchi.

E poi ci sono tante altre visioni, che mescolano suggestioni e ideologie, come quella dello studio Carlo Ratti che con l’installazione iper tecnologica “Lift-Bit” associa la stanza alla terza pelle (la seconda sono gli abiti).

Tutte le ambientazioni sono accompagnate da un approfondimento del filosofo Francesco M. Cataluccio, che ha scelto per ogni progetto testi letterari e filosofici ad hoc, creando un legame, che ognuno di noi può vivere e interpretare, tra la letteratura e l’abitare.

 

Quando: dal 2 aprile al 12 settembre 2016

Dove: Triennale di Milano, viale Alemagna 6, Milano

condividi su: