1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Store
  4. Da Another Country a Londra, la rinascita del mondo che c’era una volta
| redazione designbest

D

a Another Country, Londra, Marylebone district, mobili di artigianato dal design contemporaneo, una categoria di prodotti che sembrava essere quasi scomparsa. Ad accorgersene ad un certo momento non un novellino, ma uno dei fondatori del magazine per il design più noto in Gran Bretagna, e non solo, da oltre vent’anni, Wallpaper. Alla ricerca, delusa, di un semplice sgabello di legno per la sua casa di campagna, che però fosse fatto come si deve per durare nel tempo e avesse un costo ragionevole, Paul de Zwart ha infine pensato che l’unica soluzione possibile fosse costruirlo da se. 

 

La vetrina di Another Country

No glamour ma sostanza. La vetrina di Another Country segnala subito il suo stile naturale e autentico.

“Ci sforziamo di svolgere il nostro lavoro e realizzare i nostri prodotti al più alto livello di eco sostenibilità possibile”, così Paul de Zwart, il fondatore di Another Country.

“Ci sforziamo di svolgere il nostro lavoro e realizzare i nostri prodotti al più alto livello di eco sostenibilità possibile”, così Paul de Zwart, il fondatore di Another Country.

 

Così è nata l’azienda Another Country, non prima che Paul de Zwart avesse studiato per oltre un anno attentamente il mercato di quello che lo ispirava: lo stile minimalista giapponese, il design scandinavo, gli Shaker e il Mid Century design. A questo punto, siamo nel 2010, Paul prende carta e matita e schizza la sua prima serie, composta da una panca, una sedia, uno sgabello, due tavoli e un divano letto, e, insieme a un artigiano locale che diventerà suo socio, dà il via alla sua prima produzione di mobili di artigianato contemporaneo.

 

L'interno dello showroom di Another Country

Semplici muri bianchi e un pavimento in legno fanno da sfondo neutrale ai prodotti.

 

Dal successo immediato della prima collezione, venduta allora solo online, Another Country è velocemente diventato un marchio internazionale che raggruppa intorno a se diverse collezioni di prodotti e accessori che ne condividono lo spirito creando un design semplice e funzionale attraverso una produzione responsabile ed ecosostenibile. 

 

 

Passare dalla vetrina virtuale ad una vetrina vera è stato un passaggio quasi obbligato. Nel suo primo showroom nel distretto londinese di Marylebone, sono esposti, accanto alle nuove collezioni di mobili per interni ed esterni, lampade, accessori per scrivania, ceramiche e anche qualche squisitezza, dal tè alla marmelade, per gli intenditori del breakfast inglese.

 

 

400 mq divisi su due piani, lo showroom di Another Country si affaccia sulla Crawford Street e sul retro un piccolo cortile illumina il piano sottostante usato anche come ufficio. Il vicinato del negozio nel distretto di Marylebone, il quartiere appena a nord della famosa e frequentatissima Oxford Street, con i suoi negozietti, i bar e ristoranti, invitano a prendersi del tempo per visitare la zona, e Another Country mette a disposizione sul suo sito una bella mappa con tutti i suoi vicini da andare a conoscere. 

 

 

Another Country forse più che un altro paese è un altro tempo, o forse è un tempo antico riconquistato e amorevolmente sospeso in mezzo ad altre, e ben diverse, velocità di produzione e consumo. E’ nato per creare mobili ed oggetti contemporanei dal sapore familiare e autentico, dove senza altre pretese una sedia è una sedia e un tavolo semplicemente un tavolo. Mobili aldilà delle mode e gli stili, che possono passare di generazione in generazione, di una solidità fatta con le mani da chi possiede la destrezza manuale e conosce, e rispetta, i materiali che adopera. Trasmette la pace antica di chi sa che ha fatto bene il suo lavoro e poterlo raccontare è un grandissimo piacere. 

 

image

Project info

Another Country

18 Crawford Street, Marylebone, Londra W1H 1BT, Regno Unito
Tel. 0044 (0)20 7486 3251

 Orari di apertura
Lun-ven 10:00-18:00
Sabato 11:00-17:00 
Chiuso domenica

E-mail: shop@anothercountry.com

http://www.anothercountry.com/

Foto: Courtesy Another Country

condividi su: