1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Store
  4. Yves Gastou ovvero l’antiquario del futuro, nel cuore di Parigi
| redazione designbest

L

a Gallerie Yves Gastou, a Parigi, è un passaggio obbligato per gli appassionati di design. Specializzata in design contemporaneo e in arredo e sculture degli anni ’40 – ’80, apre i suoi battenti nel 1985 con una mostra dedicata a Ettore Sottsass, che proprio con il progetto di questa galleria firma una delle sue prime realizzazioni architettoniche, generando da subito furiose polemiche per l’utilizzo delle piastrelle di graniglia bianche e nere sulla facciata del palazzo storico di rue Bonaparte.

 

La mostra di Emmanuel Babled nella Gallerie Yves Gastou

La mostra «Emmanuel Babled, Limited Editions» del 2015. Vetri di Murano incassati in lastre in marmo di Carrara.

 

Ci troviamo a Saint-Germain-des-Prés nel 6. arrondissement, sulla rive gauche (a sud della Senna), storicamente il quartiere parigino più intellettuale e artistico. La rue Bonaparte, la lunga via che dalla Senna porta al Parc de Luxembourg, è disseminata di importanti gallerie d’arte, e soprattutto vi si trova l’École nationale supérieure des beaux-arts (accademia delle belle arti). Dopo le prime esperienze a Toulouse e quattro anni a Parigi “aux puces” (al mercato delle pulci di Saint-Ouen), Yves Gastou realizza il suo sogno: aprire la sua galleria proprio accanto all’imponente ingresso della più importante accademia delle belle arti della Francia.

 

La facciata della galleria Yves Gastou progettata da Sottsass

La facciata della galleria progettata da Ettore Sottsass nel 1985 con il rivestimento in piastrelle di graniglia bianche e nere. Attraverso le finestre si vedono i tavoli di Ado Chale presentati in occasione della mostra “Ado Chale, 50 ans d’alchimie ”.

Un ritratto di Yves Gastou insieme con suo figlio Victor che collabora con il padre dal 2008. Cresciuto fra gli oggetti di Sottsass, Mendini e Pesce della galleria, la passione per il design ha infine prevalso sui suoi studi di economia e affari internazionali.

(Tappezzeria «Le matin» di Pierre Dubreuil, 1942).

La storia vera di Yves Gastou inizia nel 1980, quando, dopo un primo viaggio in Italia, è folgorato dall’opera dei grandi maestri italiani: Giò Ponti a Milano, Carlo Mollino a Torino, Carlo Scarpa a Venezia e soprattutto Ettore Sottsass, che, con la sua esplosione di colori, il materiale povero e la reinterpretazione moderna e ironica del design storico, diventerà ospite fisso della galleria, incredulo del suo grande successo.

 

La mostra in tributo a Philippe Hiquily alla galleria Yves Gastou

La mostra in tributo a Philippe Hiquily. A destra l’imponente lampadario in ottone riproposto in edizione limitata da un modello realizzato nel 1977 per una collezione privata.

Ado Chale alla galleria Yves Gastou

La mostra « Ado Chale, 50 anni d’alchimia » (vedi anche ultima foto). A sinistra la scultura Fleur Cosmique (Fiore cosmico) di Takis, la poltrona Coque (Gallo) in ottone di Philippe Hiquily e il tavolo Solune in alluminio e bronzo di Ado Chale.

Esposizioni alla galleria Yves Gastou a Parigi

A sinistra la mostra « Gerard Kuijpers, Dancing Stones » (2014), marmo nero di Mazy su supporti in metallo. Alla parete, uno specchio di Pia Manu in pirite. A destra il lampadario Digit di Emmanuel Babled in vetro soffiato di Murano.

 

Yves Gastou, ovvero l’antiquario del futuro, questo il titolo della sua biografia (Editions Norma, Paris, 2011), da trent’anni presenta nella sua galleria i grandi maestri e in alternanza giovani emergenti, come lo sono stati, fra gli altri, Ron Arad, Philippe Starck, Tom Dixon e Shiro Kuramata.
Anticonvenzionale per eccellenza, appassionato di mobili e sculture di artisti e designer, Yves Gastou non ha mai seguito sentieri conosciuti. Selezionando con uno sguardo candido e poetico le creazioni delle arti decorative e del design degli ultimi cento anni, ha sempre anticipato i tempi e le sue mostre sono un vero punto di riferimento per tutto il mondo dell’arredo di interni.

 

image

Project info

Galerie Yves Gastou 

12, rue Bonaparte, 75006 Parigi, Francia
Tel. +33 (1) 5373 00 01

Orari di apertura
Mar-sab 11.00-13.00 / 14.00-19.00
Lunedì su appuntamento
Domenica chiuso

E-mail: contact@galerieyvesgastou.com

www.galerieyvesgastou.com

Foto: Courtesy Galerie Yyes Gastou

condividi su: