1. Home
  2. Design Culture
  3. Brand
  4. Babel D, l’outdoor con la forza vibrante di Babele
| redazione designbest

B

ABEL D: si chiama così il nuovo brand dell’outdoor nato da un’idea di Mauro Baraldo, giovane imprenditore laureato in disegno industriale e cresciuto nell’azienda di famiglia Industrie Baraldo.

Ispirato ai giardini pensili della ziggurat di Babilonia, BABEL D interpreta lo stile dell’abitare all’aperto con freschezza e semplicità. E con una grinta tutta nuova. Il materiale protagonista non poteva che essere l’acciaio, retaggio dell’azienda di famiglia specializzata nella lavorazione dei metalli, ma è la chiave cosmopolita scelta che ci offre una versione completamente nuova: un intreccio vigoroso di storie, suggestioni, rimandi al passato e memorie future.

Non è un caso se a fare da sfondo ai nuovi scenari (e a dare il nome al brand) sia proprio Babele, una città che fa del caos un punto di forza, traducendosi in un’energia vitale vibrante. Babel D, infatti, spinge sul suo dna cosmopolita per mostrarsi non semplicemente come nuovo brand nel panorama dell’arredo, ma come un vero e proprio hub creativo che con un caleidoscopio di sedie, divanetti, tavoli e chaise longue si prepara a definire il nuovo carattere dell’outdoor domestico.

Acciaio, acciaio inox e leghe d’alluminio plasmano il comfort tra colori pastello e tinte più decise, con accostamenti di corda, teak e materiali eco e una filosofia che pone l’accento sulla sostenibilità: materiali e prodotti sono studiati per durare a lungo, non solo perché sono riciclabili, ma anche perché giocano con una freschezza stilistica che permette infinite interpretazioni.

La certezza della qualità di queste collezioni è svelata dai dettagli tecnici, come la protezione galvanica delle parti metalliche, l’eccellenza del teak e la gradevole matericità del PaperStone®, un eco-materiale derivato dalla carta e utilizzato per i piani dei tavoli in diversi colori. Ma anche, sicuramente, dall’esperienza quarantennale ereditata dalla casa madre Industrie Baraldo che ha permesso ai grandi progettisti coinvolti di esprimere tutta la loro creatività, senza limiti. Tra i primi a firmare le anteprime del brand spiccano Walter de Silva, BrogliatoTraverso, Altherr Désile Park, ma ci sono anche designer emergenti come Simone Bonanni e Denis Barbiero.

Il risultato è un catalogo articolato e ricco, dove le famiglie di arredi hanno personalità ben definite, ma sanno anche mescolarsi e dialogare tra loro, contaminandosi a vicenda. Come nella leggendaria Babele, infatti, le nazionalità, le culture e le esperienze diverse dei designer di BABEL D spiccano tra contrasti di colore e dettagli apparentemente incoerenti, trasmettendo, però, un’assoluta armonia scenica.

Così, mentre la chaise longue scultorea, ma praticissima di Walter de Silva e Mario Antonioli (è nata da profili di sezione rettangolare in acciaio curvato ed è pieghevole) si fa emblema e vessillo del nuovo brand, le sedie e poltroncine Bangi disegnate da Altherr Désile Park puntano alla praticità, scegliendo forme sinuose a tutta ergonomia e strutture impilabili nei colori della primavera, dal giallo sole all’azzurro cielo, dal verde erba al rosso della terra. La collezione in lega di alluminio e acciaio Jos di Simone Bonanni, invece, ci invita in un bistrot parigino, tra sedie, divanetti, tavoli, panche e poltroncine che strizzano l’occhio alla tradizione, mentre la famiglia Gao, dello stesso designer, regala tridimensionalità a un foglio di acciaio per introdurci a un’estetica archetipica, sottile, ma robustissima. Denis Barbiero, a sua volta, ci accoglie con Kano e Kissi, un connubio di produzione industriale e lavorazioni artigianali, estetica Bauhaus e dettagli curati, perfetti ibridi indoor e outdoor. A chiudere il catalogo è Melik, firmata da BrogliatoTraverso, che come un ossimoro piega la forza dell’acciaio in volumi delicati che mandano in scena il lato rassicurante e chic di tavoli, divanetti e sedute di carattere.

Non resta che immergersi nelle nuove atmosfere, declinare gli arredi a nostro piacere e lasciarci avvolgere dal mix and match. Per vivere tutta l’energia di spazi fluidi e pieni di carattere: all’aperto, ma anche tra le mura di casa.

 

SFOGLIA LA GALLERY

condividi su: