1. Home
  2. Design Culture
  3. Brand
  4. Casa Starpool, il benessere abita qui

Casa Starpool, Ziano di Fiemme - facciata  (ph. Gaia Panozzo)

| redazione designbest

N

on si può progettare benessere, e guadagnarsi a buon titolo un posto fra i produttori leader di prodotti e concept per il wellness, se la cura non è parte del proprio dna, un’attitudine ed una vocazione totale, riflesso anche dell’essere parte di un territorio che dell’ospitalità ha fatto un suo tratto d’eccellenza. È questo speciale filo rosso che anima Starpool, dinamica azienda incastonata nel cuore della Val di Fiemme ai piedi delle Dolomiti trentine, il suo visionario CEO, Riccardo Turri e un team effervescente che ne condivide missione e risultati. Speciale è anche l’occasione che ci ha portato qui, fra foreste note per i legni pregiati: l’inaugurazione di Casa Starpool, la nuova sede che farà da incubatore alle prossime sfide.

Wellness è una parola dietro la quale si nasconde una promessa non sempre mantenuta. Perché la capacità di generare benessere è un risultato di competenza e incessante ricerca. Di vera e propria cultura. Da quel lontano ’75, anno in cui Ardelio Turri l’ha fondata -con inizi aneddotici come nella tradizione del miglior Made in Italy- di cultura se ne è stratificata in Starpool.  45 anni di progetti hanno innovato una formula dalle origini antiche, quella data dal mix di elementi primari quali il calore, l’acqua e il riposo. La produzione di bagni calore e vapore si è così evoluta in dialogo sempre più stretto con il design (un Red Hot Design Award nel 2011) sino ad approdare alla concezione di un vero e proprio metodo di utilizzo di una spa (sp.a_system), declinandone su basi scientifiche l’esperienza e il corretto uso, per il massimo beneficio.

Numeri e referenze parlano chiaro. 4.000 realizzazioni nel mondo di spa residenziali e private, 6 collezioni oltre ai prodotti custom, molteplici le prestigiose aree wellness firmate di alcuni spazi della grande ospitalità internazionale, dall’ Hotel Armani e Mandarin di Milano, all’Amanyangyum di Shanghai, o il Mulias Resort &Villas di Bali. Oltre alle partnership Costa Crociere e MSC e con i Virgin Club di tutta Italia.

La cultura del benessere che Starpool ha contribuito a diffondere nel mondo e la volontà di farne patrimonio per collaboratori e ospiti, ha innescato il progetto di ristrutturazione degli spazi della sede di Ziano,  affidato allo studio aledolci&co. Una vera e propria casa manifesto dei valori del brand, ripensata ben oltre la sua dimensione fisica e architetturale, organismo che accoglie la sua comunità di persone. Casa Starpool è una cellula in osmosi con il contesto in cui si colloca.  “Questi boschi -racconta Turri- ci hanno dato tanto: ci ispirano e ci ossigenano. E così abbiamo voluto utilizzare per la facciata l’abete del territorio, trattato come avviene per le nostre saune”.

Si perché Essere Green non è slogan aziendale ma una prassi virtuosa che dai prodotti e dal loro intero processo di produzione e distribuzione, ha plasmato anche i nuovi spazi di creazione e lavoro. "L’attenzione alla sostenibilità ambientale – continua Turri-  è la diretta conseguenza dell’abitare in questo luogo speciale che ci accoglie da sempre. Facciamo entrare la luce naturale ovunque possibile. Circola l’aria e circolano le idee, circolano anche gli ospiti. Vengono per scoprire dove e come nascono i nostri prodotti. Solo provando si può comprendere, e poi amare. La trasparenza diventa un veicolo di comunicazione, un modo per rendere visibili i valori della nostra azienda."  

 

Scopri di più su Casa Starpool, sfoglia la gallery:

condividi su: