Confini del Design - a cura di Andrea Rovatti (ADIper)  ph: courtesy ADI - Associazione per il Design Industriale

| redazione designbest

46

voci, un solo argomento: il design. Confini del design, il libro curato da Andrea Rovatti - presidente ADI Lombardia ed edito da ADIper, è un dialogo aperto tra designer, critici, docenti e giornalisti del settore.

Cosa significa fare design oggi? Come si fa innovazione? Qual è lo scenario culturale e tecnologico che caratterizza il nostro quotidiano? Tra le pagine del libro si trovano tanti argomenti che rispondono a queste domande: dal ritorno all’autoproduzione alle nuove tecnologie, dall’allargamento degli orizzonti culturali al potenziale appiattimento dato dalla globalizzazione, dalle discipline considerate ormai border line a quelle inedite e sperimentali.

Il design oggi interessa ambiti produttivi diversi e più ampi rispetto a quello tradizionale degli oggetti: servizi, materiali, processi coinvolgono sempre più attivamente il designer. E infatti nel libro i punti di vista espressi sono tanti e diversi, anche se tutti si basano sul vissuto personale dei professionisti del settore.

Il focus centrale della discussione non può che essere l’importanza dell’innovazione, leva essenziale di sviluppo (non a caso è proprio l’ADI, l’Associazione per il Design Industriale che tra i premi assegna anche l’ADI Design Index per l’Innovazione, a promuovere questo libro). Se creatività e spirito critico sono caratteristiche basilari per chi si muove nel mondo del design, è indubbio, infatti, che siano anche le armi da sostenere per contrastare l’omologazione di pensiero.

Il libro, però, non avvalora una tesi a priori, come ha spiegato Andrea Rovatti, ma raccoglie ed espone volutamente la molteplicità di pensieri sulla progettualità: per aprire una riflessione sui ruoli vecchi e nuovi del designer all’interno della filiera produttiva, dei processi e dell’attribuzione di valore di un progetto.

 

condividi su: