1. Home
  2. Design Culture
  3. Highlights
  4. Il materasso, quando cambiarlo e come sceglierlo

 Materasso Chiarointenso Soya & Aloe Linea Aquapure, Somnium by Imaflex.

| redazione designbest

E

bbene, sta arrivando l’inverno. Le giornate si accorciano paurosamente e le mattine ci alziamo un po’ storditi, perché non è più la luce dell’alba a svegliarci, ma nel buio pesto risuona il trillo petulante della sveglia sul comodino. Senza avere avuto il tempo di abituarci, all’improvviso è arrivato quel periodo dell’anno in cui il nostro letto si trasforma in una sorta di tana, un bozzolo in cui infilarci ogni notte.
Un fagotto di calore in cui la perfetta adesione tra coperta e materasso per evitare anche un solo spiffero diventa quasi un mantra da ricreare meticolosamente sera per sera. Nulla di peggio che scoprire alla fine delle operazioni di essere scomodi. Che sia una molla fuori posto o un affossamento del materasso, sembra di dormire su un sasso o di sprofondare senza appigli. Il segnale è chiarissimo: è ora di cambiare materasso.

Dovremmo saperlo, ma ci sembra sempre di averlo comperato giusto qualche anno fa: dopo 8/10 anni d’uso tutti i materassi dovrebbero essere sostituiti, anche i migliori e anche se l’abbiamo trattato nel migliore dei modi. Ce lo ricorda Somnium by Imaflex - azienda tra le più qualificate del settore e membro del Consorzio produttori Italiani Materassi di Qualità - con l’uso quotidiano, il materasso perde le sue qualità originali, la sua elasticità e freschezza, e per la traspirazione e la naturale desquamazione cambiano le sue condizioni igieniche.

 

Materasso Chiarointenso Soya & Aloe Linea Aquapure, rivestimento Aegis, Somnium by Imaflex.

 

Comprare un materasso è un acquisto importante, ce ne rendiamo conto non appena iniziamo a pensarci. Determina un terzo della nostra vita, quelle otto ore al giorno che più o meno passiamo a letto, ma in realtà dormire bene influenza anche tutto il resto della nostra giornata, lo sappiamo. Come trovare il materasso giusto, allora?
Dobbiamo innanzitutto avere chiare in mente le nostre esigenze e fatto una veloce autoanalisi
. Ci dovremo misurare (peso e altezza), chiarire in quale posizione preferiamo dormire (proni, supini o di fianco), precisare se soffriamo particolarmente il caldo o il freddo, se la superficie su cui dormiamo deve essere più morbida o rigida e specificare eventuali dolori alla schiena (dal collo al bacino) o alla circolazione, indicare possibili allergie a materiali o batteri e infine anche controllare il livello di elettrosmog emesso dalle apparecchiature presenti nella nostra camera da letto. E se condividiamo il materasso, rispondiamo insieme a queste domande, perché dalla differenza di peso e abitudini capiremo se è preferibile scegliere due diversi materassi singoli da abbinare nel nostro letto matrimoniale.
Fatto ciò, il consiglio spassionato è di rivolgersi a un rivenditore specializzato che fra gli infiniti modelli troverà quello che sembra fatto su misura per noi e ci permetterà anche un breve riposo di prova.

.

Contenuti offerti da:

condividi su: