1. Home
  2. Design Culture
  3. Luoghi
  4. DaDa in Taverna Moriggi: la nuova tradizione milanese

Dada in Taverna Moriggi

| redazione designbest

U

n locale storico milanese, che riprende vita. DaDa in Taverna è l’evoluzione della storica taverna meneghina Moriggi, che oggi rivive la tradizione con nuovo slancio.

Nel cuore di Milano, in via Morigi 8, la vecchia osteria di un tempo (l’origine risale al 1900) apre di nuovo i battenti dopo un restyling curato dall’architetto Andrea Castrignano, in perfetto equilibrio tra ieri, oggi e domani.

Rispetto per la tradizione (il palazzo storico è protetto dalle Belle Arti), con un restauro conservativo e ponderato, ma con un guizzo dadaista. “DaDa, voce del verbo ristorare” come chiosa il biglietto da visita, è una declinazione avant-garde della cucina di una volta, tra echi del passato e accenti avveniristici come quelli sugli affreschi (coperti da pannelli in plexiglass decorati dall’artista Alex Prosperi).

Ad accoglierci all’ingresso c’è un lungo banco bar, con vista sulla sala bistrot spostata sulla destra. Il ristorante con la cucina a vista, invece, si sviluppa alle spalle, dove la convivialità si fa più intima e raccolta, mentre una scala defilata ci conduce in taverna, un tempo cantina e magazzino e oggi riservata a gruppi di 16-18 persone.

Soffitto a cassettoni, pavimento in cotto, mattoni crudi e volta a botte per la taverna: l’architettura trasuda tutto il fascino antico della Taverna Moriggi che oggi viene accentuato dalle pennellate Petrol e Aubergine sulle pareti e sulle sedie, dalle boiserie in legno, originali ma rivisitate con grafiche dadaiste e dalle luci che tra lampade dimmerabili e insegne luminose con giochi di parole disegnano la nuova atmosfera di DaDa.

Il neonato ristorante fondato dai cuochi Paolo Anzil e Giuseppe Davide La Grotteria fa propria l’anima meneghina del locale, ma la reinterpreta con un gusto tutto nuovo. Il menu propone piatti rivisitati della tradizione che invitano ad abbandonare i pregiudizi e preparare i sensi a un inedito connubio di arte, design e food.

Se da un lato, infatti, non mancano il classico spezzatino (nell’inedita ricetta “improvvisata” per l’occasione) e l’intramontabile e classico (ma non troppo) risotto allo zafferano, dall’altro sono gli accenti moderni a risvegliare il gusto per la sperimentazione e a invitarci a scoprire i dieci punti del manifesto di DaDa in Taverna. A partire da “La tradizione è sempre prima innovazione”, un inno alla contaminazione materica e creativa che ha l’ambizione di enfatizzare, a sorpresa, i veri sapori milanesi.

Da DaDa in Taverna si può sorseggiare un cocktail seduti su una panca in legno stile Novecento, concedersi un brunch con le mise en place decorate in esclusiva o gustare una cena tra i tavoli in marmo di Carrara. Di sicuro quello che ci aspetta è un’esperienza tutta da gustare tra aria di famiglia, buona gastronomia e suggestioni futuribili.

Dove: DaDa in Taverna Moriggi, via Morigi 8, Milano

 

SFOGLIA LA GALLERY

condividi su: