1. Home
  2. Design Culture
  3. Materiali e innovazioni
  4. Crimagno, l’eco lusso ai tuoi piedi

Crimagno

| redazione designbest

I

l sogno? Creare una scarpa unisex completamente sostenibile, sportiva, ma elegante e di altissima qualità. E’ nato da quest’idea di Cristiano Magnoni il progetto di Crimagno, azienda svizzera con sede a Corteglia che è partita da un campo di canapa e dalle discariche piene di plastica per creare una nuova collezione di scarpe athleisure.

“Le scarpe fanno parte dell’heritage di famiglia” ha raccontato Cristiano Magnoni, che prima di diventare un interior designer ha lavorato per alcuni anni nell’azienda manifatturiera dei genitori, producendo suole per i maggiori brand della moda. Kobi, il primo modello di Crimagno, è stato selezionato da Rossana Orlandi nel 2021 per il suo debutto alla manifestazione asiatica IFC Mall di Honk Kong insieme ad Henderson land. Un paio di scarpe bianco e nere in omaggio al principio dello Jing e Jang, nate escusivamente da materiali di scarto, ovvero dai rifiuti industriali. “Insieme possiamo aiutare le nuove generazioni ad abbracciare la sostenibilità” era stata la presentazione di Rossana Orlandi, che le ha riproposte lo scorso anno al Ro GuiltlessPlastic 2021, la terza edizione del progetto internazionale dedicato al riciclo e al riuso, presentato al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano durante la Design Week 2021.

Un successo riconfermato anche dal Global Footwear Awards, il riconoscimento internazionale che premia l’eccellenza industriale in un’ottica di innovazione, creatività, sostenibilità e impatto sociale, che Kobi si è aggiudicato all’inizio del 2022.

Ma qual è il segreto di queste scarpe che mescolano lo stile da runner con quello più sofisticato delle calzature di lusso? Realizzate puntando su sperimentazione e qualità, le scarpe di Crimagno hanno una serie di caratteristiche che le rende non solo sostenibili al 100%, ma anche ergonomiche e confortevoli. La suola in gomma naturale, legno di canapa e materiale riciclato proveniente dal brand, per esempio, è divisa in due per assecondare al massimo il naturale movimento del piede durante la camminata, mentre la parte superiore è realizzata in fibra di poliestere ottenuta dalle bottiglie PET recuperate dal mare, in un unico pezzo (per abbracciare meglio il piede senza fastidi) con zip laterale e una sola cucitura posteriore. La fodera, infine, è realizzata da un composto brevettato in canapa, poliestere riciclato e argento: antibatterica, traspirante e termoregolatore.

Persino il packaging delle calzature segue la filosofia green: al posto della classica scatola da scarpe, infatti, c’è una pratica tracolla realizzata al 100% in feltro riciclato da bottiglie di plastica.

Per uno stile esclusivo, responsabile e totalmente eco friendly.

 

SFOGLIA LA GALLERY

condividi su: