1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Aero V, l’appendiabiti al volo

Appendiabiti Aero V, design Shibuleru 2019, Living Divani.

| redazione designbest

F

resco vincitore dell’Interior Design Magazine Best of Year 2019 Award, Aero V potrebbe essere la forma figurata della celebre affermazione dell’architetto tedesco Mies van der Rohe Less is more (meno è di più) se fosse rappresentata da un valet stand. Andiamo a scoprire perché e chi si nasconde dietro il suo design.

  • Cos’è  Aero V è il nuovo appendiabiti/ guardaroba multifunzionale della collezione Aero di Living Divani che comprende anche un sistema libreria e un mobile bar.
  • Cos’ha di speciale  Aero V si fa notare per il raffinato lavoro di sottrazione e l’assenza del superfluo sia nella forma che nei materiali. La limpidezza delle sue linee e la forma semplificata in perfetto stile minimalista rispondono alla funzionalità di utilizzo con l’impeccabile eleganza del lusso understated.
  • Com’è fatto  Per ottenere l’effetto al tempo stesso solido e leggerissimo di Aero V i suoi designer sono ricorsi alla tecnologia aerospaziale. Le mensole sono realizzate in fogli di alluminio a nido d’ape, mentre le esili colonne (Ø 22 mm) della struttura sono in acciaio verniciato con polveri epossidiche. Due le profondità disponibili per i ripiani inferiori (36 o 56 cm) e due le varianti di finitura e colore dei ripiani. Appositamente disegnate a completamento dell’appenderia, le grucce appese ad un anello e collegate da una fascia di cuoio.
  • Di chi è l’idea  Aero è un progetto di Shibuleru, lo studio di design fondato nel 2010 dal progettista di origine svizzera Lukas Scherrer a San Francisco in California. Il nome dello studio deriva dalla distorsione fonetica della parola tedesca Schiebelehre, ossia il calibro, lo strumento di misura ad alta precisione fondamentale nei progetti calcolati al millimetro da Shibuleru. Eletto come uno dei 75 designer più influenti nella tecnologia, i suoi lavori hanno vinto numerosi premi internazionali.
  • Ci piace perché…  Un mobile “maggiordomo”, se per di più davvero discreto, elegante e quasi immateriale, è un vero toccasana in casa. Previene quella diffusissima insofferenza alle scarpe lasciate alla porta, alle borse sul primo mobiletto o ai vestiti accatastati su una sedia senza richiedere lo sforzo (alcune sere veramente inaccettabile) di aprire l’anta di un armadio o lo scompartimento della scarpiera e l’indomani ci fa ritrovare in perfetto ordine quanto ci serve per iniziare con serenità una nuova giornata.

.

condividi su: