1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Belle de jour, poesia di una lampada appena sbocciata
| redazione designbest

D

alla presenza poetica di forte impatto scenografico, la nuova lampada Belle de Jour di Foscarini sembra un grande fiore luminoso appena sbocciato, che si schiude naturalmente verso l’alto. Ilaria Marelli, designer del progetto, racconta così la sua idea: “La Bella di giorno è una pianta che chiude i suoi calici al tramonto. Ho voluto riprodurre forma e movimento di questo fiore dalla delicatezza sensuale, ma al tempo stesso desideravo un oggetto scenico, capace di affermarsi nello spazio”.

  • Cos’è  Belle de Jour, una nuova lampada da terra prodotta da Foscarini.
  • Cos’ha di speciale  Una delicatezza sensuale di forte impatto scenico, risultato di una forma poetica d’ispirazione naturale creata grazie all’utilizzo di materiali tecnici innovativi per il settore dell’illuminazione.
  • Com’è fatto  La sua silhouette a forma di imbuto si sviluppa verticalmente a partire da una base esagonale. La struttura, realizzata con sottili steli di metallo verniciato, è rivestita da un tessuto tecnico elastico, sottile e semitrasparente con una leggera texture sulla parte esterna. In alto, la colonna si restringe leggermente prima di aprirsi in una corolla asimmetrica leggermente inclinata che illumina il soffitto. La luce può essere intima o illuminare bene lo spazio, grazie alla lampada a led dimmerabile.
  • Di chi è l’idea  Belle de Jour è un progetto di Ilaria Marelli. Architetto e designer, dal suo laboratorio di idee a Como lavora sul design di prodotto, di interni e allestimenti che siano emozionali e sperimentali allo stesso tempo. Ha disegnato prodotti per i più importanti marchi di design italiani e internazionali, progettando oggetti che spaziano da grandi creazioni scenografiche a piccoli, praticissimi oggetti di uso quotidiano.
  • Ci piace perché…  È un oggetto luminoso che ha la grazia. Leggera e delicata, è bella di giorno – nomen est omen - e affascinante la sera quando, illuminata, regala allo spazio un fascino teatrale, capace di trasformare l’ambiente in una meravigliosa scenografia poetica, che ci porta lontani dal quotidiano.
condividi su: