1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Costume di Magis, il riciclo con stile

Magis, divano modulare Costume - design Stefan Diez

| redazione designbest

M

odulare, totalmente riciclabile e riciclata, votata al comfort e all’ambiente: Costume, la collezione di divani disegnata da Stefan Diez per Magis, è un inno al relax più assoluto. Ma è anche un cortocircuito della progettualità e del lusso, perché in un colpo solo rivoluziona il concetto di seduta contemporanea, porta avanti (anzi migliora) i dictat dell’ergonomia e volge lo sguardo, tanto visionario quanto pratico, al domani.

Dalla sinergia tra il brand veneto e il designer tedesco, infatti, è nato un divano con una struttura completamente nuova. Realizzato in polietilene riciclato e riciclabile dello spessore di 4 mm, il divano modulare Costume è rivestito in tre tipologie di tessuto e, grazie agli appositi anelli elastici agganciati alla base, si può sfoderare facilmente. Il concetto è tanto semplice quanto geniale: un singolo modulo che può essere accessoriato con braccioli che si piegano all’interno o un’ottomana, da combinare all’infinito con altri moduli uguali (uniti da connettori in plastica in tre tonalità) per creare composizioni sempre diverse.

Ma soprattutto una filosofia che promuove l’uso consapevole (e sostenibile) dei materiali. Il materiale utilizzato, infatti, viene recuperato dagli scarti industriali del settore dell’arredo e dell’automative, mentre schienale e seduta sono imbottiti con un inserto a molle insacchettate rivestite da un sottile strato di schiuma poliuretanica. Risultato: meno schiumato rispetto ai divani tradizionali e materiali riciclabili senza difficoltà. A questo si aggiunge poi il concetto di ottimizzazione del sistema, ovvero, l’anima del progetto: solo 4 elementi (il modulo di seduta, i braccioli, l’ottomana e i connettori in plastica) per infinite composizioni che spingono lo stile contemporaneo a rispondere al nuovo stile dell’abitare, con una versatilità inedita e senza tempo.

 

SFOGLIA LA GALLERY

GUARDA IL VIDEO

condividi su: