1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Glow di Faber, una cappa da living!

Faber, cappa Glow - design Carlo Colombo

| redazione designbest

P

resentata ad Eurocucina-FTK, Carlo Colombo firma per Faber una nuova e innovativa cappa da cucina. Semplice, elegante, essenziale. Un progetto che va ad arricchire il catalogo 2018 di una delle migliori e affermate aziende italiane del comparto trattamento aria e piani cottura.

 

  • Cos’è. Si chiama Glow ed è una cappa lampadario dotata di un 'disco' di luce a LED che ne disegna il contorno esaltandone la semplicità della forma. Ideale per diverse ambientazioni di cucina può tranquillamente interpretare sia quelle di stile moderno, sia quelle più ricercate e con richiami alla tradizione.
  • Cos’ha di speciale. Rende protagonista la luce grazie al nuovo LED circolare a bassissimo consumo. La cappa è dotata della tecnologia "Up & Down" e dialoga con i piani cottura Faber, grazie ai comandi integrati. Nel top di gamma, in versione aspirante, Glow propone l'esclusiva tecnologia Airlane che permette di eliminare il tubo di connessione con il soffitto sfruttando i principi della fluidodinamica. Con l'attivazione di un secondo motore posizionato nel controsoffitto, la cappa utilizza un condotto 'invisibile' per il recupero dei fumi.
  • Com’è fatta. Disponibile con finitura nero nichel e bianco, ha un diametro pari a 695 mm con una uscita aria di 150mm. I comandi sono touch control e l'illuminazione Led perimetrale. I filtri antigrasso sono autoportanti e lavabili in lavastoviglie. Tre velocità di aspirazione più una intensiva. Massima aspirazione pari a 3 mq/h
  • Di chi è l’idea. È di Carlo Colombo. Una Laurea in Architettura nel 1993, inizia la sua carriera già a partire dal 1991 grazie all'incontro con Giulio Capellini per il quale disegna il letto Kyoto presentato al Salone del Mobile del 1992. Da questo momento la sua attività diventa incessante costellata di collaborazioni prestigiose con aziende come Antonio Lupi, Arflex, Artemide, Cappellini, DePadova, Emu, Flou, Moroso e molte altre. Art director e progettista matura una vasta esperienza anche nel marketing, nell'organizzazione di mostre e nella progettazione di spazi espositivi.
  • Ci piace perché. Glow interpreta l’evoluzione dell’ambiente cucina che entra a far parte sempre di più del living. È un autentico elemento d'arredo, una scultura luminosa in equilibrio tra luce e funzionalità

 

condividi su: