1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Un’estate all’aria aperta con l’outdoor firmato Pedrali

ph. courtesy Pedrali

| redazione designbest

É

tempo d’estate e il piacere di godersi le lunghe giornate comodamente seduti in giardino o in terrazza è la naturale conseguenza di un inverno e una primavera passati in confinamento forzato.

Vale anche per chi ama stare in compagnia e frequentare i locali che affacciano sulle tante piazze italiane ricche di storia come anche in riva al mare o sulle valli delle nostre stupende montagne. Il desiderio di relax ed evasione prende la forma di collezioni d’arredo pensate per l’outdoor dove alla funzionalità si coniuga bellezza e comfort. E Pedrali ne è un esempio tangibile. Per il 2020 offre una serie di proposte che giocano sugli intrecci, il colore, la leggerezza e il relax facendosi interprete di un ‘abitare’ elegante dove la quotidianità si veste di stile.

Resta evidente la priorità data al benessere con una ricerca costante di equilibrio tra funzionalità, praticità ed estetica. Conta il progetto, il design, l’innovazione tecnica ma pure l’alta qualità dei materiali che garantiscono resistenza, facile pulizia e durata nel tempo. Senza dimenticare l’imperativo green, oggi più che mai centrale in una progettazione che conosce il valore e la portata della ‘nostra’ impronta ecologica sul pianeta. La ricerca e l’uso di materiali naturali e riciclati è la risposta al tema, cui si affianca l’attenzione sempre puntuale per un linguaggio estetico cosmopolita e, al contempo, capace di richiamare storie e tradizioni del nostro inestimabile patrimonio artigianale.

Come, per esempio, la collezione Panarea disegnata da CMP Design. Un tributo a un luogo top dell’estate italiana, rappresentata dalla leggerezza degli intrecci, da una palette colori sofisticata, dalle linee morbide e generose quasi a ricordare una bellezza femminile mediterranea.

E di sensualità si può parlare anche osservando, ad esempio la sedia Remind, che si aggiunge alla collezione del designer catalano Eugeni Quitllet. S’ispira alle sedie in legno della seconda metà del XIX Secolo dandone, tuttavia, una felice sintesi contemporanea. Funzionale e versatile, di dimensioni contenute, realizzata in polipropilene totalmente riciclato, è la sedia perfetta per vivere una doppia vita: outdoor e indoor.

In uno spazio Outdoor che si rispetti non può mancare il divano e la poltrona lounge. E anche in questo caso la bellezza è legata sempre alla generosità e alla morbidezza delle forme. Si tratta della collezione Reva Twist disegnata da Patrick Jouin. Linee dal design ‘latino’ dal sicuro effetto relax.

Anche a bordo piscina esiste uno spazio che ha bisogno di protagonisti. Pedrali propone l’irrinunciabile lettino Rail, scandito da linee semplici e moderne, con una seduta e uno schienale in textilene. Non solo. Che dire del cuscino in poliuretano espanso drenante e rivestito in tessuto idrorepellente e resistente ai raggi UV? E’ la tecnologia che si trasforma in design d’avanguardia.

Un classico di Pedrali - la collezione di sedute Tribeca disegnata da CMP Design - si rinnova con l’impiego di nuovi materiali: un solido telaio tubolare unito all’elasticità di un profilo in materiale plastico ordito verticalmente che si contraddistingue per la sua natura durevole, pulibile e colorata.

Coloratissime sono, anche, le sedute della collezione Nolita (design CMP Design) e un omaggio al design nautico è rappresentato dalla poltrona Soul Outdoor, disegnata da Eugeni Quitllet. A osservarla si nota il piacevole contrasto tra l’alluminio curvato e il teak della seduta.

 

Sfoglia la gallery e scopri la collezione Pedrali Outdoor 

condividi su: