1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. Plico di Alessi, icona contemporanea

Alessi, carrello Plico - design Richard Sapper

| redazione designbest

C

on la riedizione di Plico, il carrello pieghevole progettato da Richard Sapper nella seconda metà degli anni ’70, Alessi, uno dei maggiori esponenti del design italiano funzionale, ma inaspettato, introduce nelle collezioni 2020 un nuovo piccolo capolavoro “alla Sapper”. E interpreta, ancora una volta, un oggetto del quotidiano con un’inedita visione capace di trasmettere emozioni, risvegliare ricordi e andare controcorrente per adattarsi alle nuove esigenze contemporanee. Il classico complemento da cucina si traduce così in un oggetto versatile e multifunzione, che con la sua estetica decisa e la sua personalità ben definita diventa il nuovo e immancabile interprete del lifestyle moderno.

 

  • Cos’è Plico di Alessi, il carrello da cucina riedizione degli anni Settanta.
  • Cos’ha di speciale Iconico eppure super contemporaneo, risale agli anni Settanta, ma dimostra una versatilità e una maneggevolezza decisamente attuali. In più, è un vero salvaspazio e si può utilizzare anche come tavolino da letto o come pratica postazione da lavoro per il salotto, alzando semplicemente il piano superiore che si chiude a pacchetto.
  • Com’è fatto Pieghevole e molto maneggevole, ha la struttura su ruote in acciaio e due ripiani in poliuretano ed è completamente verniciato di nero. Oltre ad essere pratico come portavivande in cucina o in sala da pranzo, è comodissimo anche come tavolino da letto o da divano e si trasforma in una versatile postazione home-working con piano d’appoggio per il pc. Una volta piegato è decisamente compatto. Misura cm 86x46x78h.
  • Di chi è l’idea Richard Sapper, designer e accademico tedesco classe 1932 (è scomparso nel 2015), considerato uno dei maggiori designer del suo tempo. Grazie ai suoi progetti fatti di innovazione tecnica, purezza formale e un piacevole effetto sorpresa, ha conquistato ben 10 Compasso d’Oro ADI. Plico è la riedizione di un progetto realizzato nel 1976 che Sapper aveva presentato dicendo: “a me interessano le forme che cambiano e ciò è molto più emozionante di una cosa, un oggetto, una forma, che rimangono sempre uguali”.
  • Ci piace perché… È un oggetto iconico, funzionale e versatile, che riesce a rappresentare alla perfezione il lifestyle contemporaneo. Un esempio perfetto dell’approccio progettuale di Sapper, innovativo e senza tempo.

 

condividi su: