1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. World Wildlife Day per la nostra Terra da salvaguardare

Tappeto Le Cycle, design Matali Crasset, Nodus.

| redazione designbest

È

appena passato il World Wildlife Day, il giorno dedicato alla sensibilizzazione ai temi della biodiversità, alla sostenibilità e alla protezione di tutte le creature viventi, dagli animali alle piante della nostra Terra che rischiano l’estinzione a noi umani che, con una lentezza indegna della nostra proverbiale intelligenza, forse abbiamo finalmente iniziato a capire che di questo passo non andremo ancora molto lontani.

Nel mondo del design sono molti gli artisti, i designer e architetti che in modi e forme diverse si prendono a cuore i temi della sostenibilità del nostro pianeta e del rispetto della natura e molte sono anche le aziende che hanno rivisto (e stanno rivedendo) i loro processi industriali, modificato la scelta dei materiali utilizzati, avviato ricerche per rendere i sistemi di produzione ecocompatibili e diventare green. Poi ci sono i brand che green lo sono sempre stati per storia e per cultura e le cui collezioni sono attraversate da un fil rouge fatto di attenzione per l’antico sapere dell’uomo capace di vivere in sintonia con i ritmi della natura circostante.

E così oggi abbiamo voluto abbinare il tema della salvaguardia del nostro ecosistema a creazioni di design sensibili alla protezione della fauna e della flora del nostro mondo, creazioni in cui il messaggio non è recondito bensì evidente e ben sotto gli occhi di tutti, perché si tratta di tappeti. Tappeti realizzati a mano con materiali autentici, nati da intrecci culturali tra Oriente e Occidente in manufatture qualificate e con certificazione etica, voluti da un manager illuminato come Andrea Galimberti di Nodus.

Disegnati dai designer Aldo Bakker, Estudio Campana, Matali Crasset, StudioJob e Lorenzo Palmieri, incontriamo un leone che vuole uscire dalla tessitura, una scimmia che sembra svanire, una grande foglia da cui fuoriescono lunghi filamenti con campanelle a ciuffi, un intero, classicissimo pantheon dedicato agli animali che raffigura anche le nostre armi di distruzione, un tarassaco - il cosiddetto dente di leone o meglio in questo caso il delicatissimo soffione - e a concludere la rappresentazione di un ciclo vitale, un messaggio inequivocabile in cui le radici di un albero che si ricongiungono con la sua chioma sono in realtà delle figure umane stilizzate. Un moto circolare continuo che non si può spezzare.

 

SFOGLIA LA GALLERY:

GUARDA IL VIDEO:

Video ufficiale di sensibilizzazione per la Giornata Mondiale della Fauna Selvatica 2020, creato con il sostegno del Segretariato della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD).

.

condividi su: