1. Home
  2. Design Culture
  3. Oggetti
  4. XY di Dada, la nuova cucina “glocal”

Dada, cucina Sistema XY - design Francesco Meda

| redazione designbest

L

a cucina è il nuovo mondo “glocal” e Dada, brand italiano del gruppo Molteni che della cucina d’alta gamma ha fatto il suo cavallo di battaglia, non poteva che presentarci un sistema modulare e flessibile che ben risponde alle nuove esigenze dell’abitare contemporaneo. Il nuovo progetto XY presentato in anteprima per il 2020 porta la firma di Francesco Meda che, ispirandosi proprio alle coordinate cartesiane, ci propone un sistema funzionale, ben attrezzato e custom made. Una cucina dinamica e ordinata che si muove su binari orizzontali e verticali e include, persino, la modalità home working. In un’alchimia perfetta di convivialità e stile.

 

  • Cos’è XY di Dada, il nuovo sistema cucina modulare e flessibile.
  • Cos’ha di speciale È un sistema flessibile, dinamico e allo stesso tempo rigoroso nella sua funzionalità, che ci permette di disegnare lo spazio cucina con la massima praticità, ma anche con uno stile ben definito. Una soluzione dall’eleganza razionale che rispecchia alla perfezione il nostro nuovo stile di vita.
  • Com’è fatta È un sistema attrezzato universale e custom made che può essere anche abbinato ai diversi modelli di cucina Dada, sviluppandosi a parete o come isola indipendente. Il nome richiama le coordinate cartesiane e infatti il sistema si sviluppa in verticale e in orizzontale attraverso diversi profili estrusi in alluminio. Un canale attrezzabile centrale compone l’asse fondante del progetto, accogliendo vasche attrezzate (porta coltelli, porta taglieri, porta spezie, porta condimenti, vani per le prese elettriche, cappa estrazioni fumi, scolapiatti), mentre i profili che lo compongono possono ospitare diversi accessori a scorrimento, oltre a un piano quadrato in legno di cm 130x130 da utilizzare anche come tavolo. Il sistema comprende anche elementi montanti da sviluppare in verticale per un sistema di mensole in alluminio e legno o acciaio inox. Le mensole nella parte inferiore hanno una luce LED inserita in un apposito vano, mentre i montanti che reggono le mensole sono in grado di ospitare un profilo utile per inserire un binario con ganci scorrevoli porta utensili, ganci porta bicchieri da vino, porta carta ecc. Grazie all’estrema flessibilità e ai tantissimi accessori si possono creare configurazioni infinite, a seconda delle esigenze, per vivere lo spazio cucina a 360° (persino per lavorare). Tutti i materiali utilizzati e i processi di lavorazione puntano al riciclo e alla massima sostenibilità.
  • Di chi è l’idea Francesco Meda, designer milanese classe 1984. Eclettico e curioso, collabora con le maggiori aziende del design e ama progettare soluzioni funzionali e pratiche, ma con lo sguardo rivolto sempre al domani. Di questo sistema dice: “la difficoltà principale è stata quella di pensare a un prodotto funzionale e trasversale, realizzato attraverso un metodo costruttivo semplice e non invasivo in modo tale da poter convivere con le cucine esistenti. Sono quindi partito dall’idea di offrire una nuova tipologia di utilizzo della cucina grazie all’integrazione di differenti accessori”.
  • Ci piace perché…  La cucina è passata da cuore della casa a regno “glocal”, dove socialità e lavoro convivono, in un dinamismo trasversale e in continua evoluzione. E questa cucina modulare e “trasformista” è proprio l’espressione perfetta di questo nuovo modo di abitare: pratica, versatile, elegante, tiene tutto in ordine e a portata di mano e si adatta continuamente allo spazio e alle nostre esigenze, con uno stile impeccabile.

 

condividi su: