1. Home
  2. Inspiration
  3. Accessori di design
  4. Double e Moiré, i centrotavola che non ti aspetti

Ciotola e vassoio centrotavola Double e Moiré, Alessi 2019.

| redazione designbest

E

infine ci siamo, quell’aria di festa che circolava per le strade da qualche settimana sta per bussare alla nostra porta. È arrivata l’ora di decorare la sala con tutto ciò che è bello e che crea l’atmosfera giusta! L’eye-catcher per eccellenza è naturalmente la tavola e soprattutto quel che troneggia al suo centro. E allora serve un centrotavola davvero speciale…

  • Cosa sono:  Due complementi per la tavola color rosso fiammante di Alessi: la ciotola/ fruttiera Double e il vassoio Moiré.
  • Cos’hanno di speciale:  Con un effetto plastico cangiante, unico nel suo genere, Double e Moiré puntano sul connubio tra la semplicità della forma e la perfezione tecnica della finitura.
  • Come sono fatte:  Entrambi, ciotola e il vassoio, sono in acciaio colorato con resine epossidiche e un decoro a rilievo. La particolare lavorazione della superfice metallica chiamata granulazione reinterpreta in chiave industriale un’antica tecnica orafa. La disposizione dei grani segue una sequenza geometrica generata dalla successione di Fibonacci, il matematico italiano che per primo tradusse in numeri il rapporto aureo, uno dei massimi principi che regolano le forme della natura. Double e Moiré fanno parte della collezione Texture & Colours di Alessi e sono disponibili anche nella versione in nero.
  • Di chi è l’idea:  La ciotola Double è un progetto di Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi, pionieri del design pop negli anni ‘60 nel gruppo De Pas, D’Urbino, Lomazzi autore di pezzi iconici come la poltrona gonfiabile Blow e la seduta Joe (il celebre guantone di baseball dedicato a Joe di Maggio). Il vassoio Moiré porta invece la firma di Marcel Wanders, l’eclettico designer olandese dallo stile al tempo stesso elegante e anticonvenzionale.
  • Ci piacciono perché…  Oltre a portare una bella ventata di allegria in tavola, Double e Moiré ci intrigano perché dietro alla loro apparente semplicità si nasconde la geniale intuizione matematica di Fibonacci che per l’occasione siamo andati a rispolverare (e vi lasciamo il piacere di farlo da soli). Diciamo solo che se nella ciotola o sul vassoio andate a disporre qualche rametto o un fiore per la decorazione natalizia, potreste anche ritrovarvi a contare le foglie o il numero dei petali…

.

condividi su: