1. Home
  2. Inspiration
  3. Accessori di design
  4. Venini e Versace, haute couture in vetro
| redazione designbest

V

enini e Versace: due firme iconiche, due sinonimi dell’eccellenza materica e stilistica. Due mondi, design e fashion, che seguono i codici della bellezza con la B maiuscola, fatta di innovazione, tradizione e qualità. E che in questi giorni spiccano, insieme, nel quadrilatero della moda.

In occasione della Settimana della moda milanese 2021, infatti, Venini e Versace presentano il frutto della loro collaborazione: 3 vasi inediti in Limited Edition, che durante la fashion week fanno bella mostra di sé nelle vetrine della boutique Venini di Via Montenapoleone e della boutique Versace Home di Via Durini.

Una dichiarazione d’intenti che vuole suggellare lo stesso piacere creativo che i brand condividono fin dal 1997, quando Gianni Versace decise di dar vita a una Limited Edition in vetro e scelse la fornace Venini per esprimere, con il suo patrimonio artistico, lo stile unico della maison.

E quale occasione migliore se non il centenario della storica fornace di Murano per rieditare queste opere cult, create insieme negli anni Novanta? V.VV, Smoking e Gessato sono le tre inedite proposte che compongono “la capsule” Limited Edition (149 pezzi per ogni modello), realizzata grazie a tre diverse tecniche di lavorazione.

Ogni pezzo firmato Versace punta sul forte impatto estetico di contrasti cromatici e dettagli inconfondibili. Nelle opere di Venini, invece, c’è tutto il patrimonio artistico e artigianale dell’arte vetraria muranese, una tradizione che si tramanda dal 1200. E infatti i nuovi vasi Gessato, VVV e Smoking parlano il linguaggio dei maestri muranesi e traducono i gesti e le tecniche in un’eleganza unica, puntando su dettagli deluxe, come l’applicazione di una foglia oro e la medusa, simbolo indiscusso della maison Versace.  

Gessato è lavorato a mano con la tecnica a Fasce: su un corpo centrale il maestro vetraio cola a caldo una serie di fili (le fasce appunto) e, dopo aver amalgamato il tutto, ricopre il vaso con un sottilissimo strato di cristallo. L’effetto finale è una cromia volutamente irregolare, ed è qui che è racchiusa la sua unicità. Smoking, invece, nasce dalla tecnica a Canne, una lavorazione particolarmente complicata, caratterizzata da elementi in vetro a sezione circolare che vengono accostati e fusi insieme per essere poi soffiati, mentre il vaso prende forma. VVV, infine, punta tutto sulla tecnica a Tessere (nata negli anni Cinquanta), che ancora oggi si esegue in diverse fasi componendo la creazione con piccole tessere di vetro.

Tre tecniche, un’eleganza haute couture e una maestria senza pari, che traducono “il saper fare” in una visione estetica esclusiva.

condividi su: