1. Home
  2. Progetti
  3. Essenzialità scenica: la villa delle icone a Changsha

Poltrona Serie Up 2000, design Gaetano Pesce, B&B Italia

| redazione designbest

O

ggi facciamo un viaggio in terre lontane. Seguiamo il filo rosso del design italiano fino nella Cina meno conosciuta per scoprire come la cultura italiana dell’abitare e un pezzo di storia del design siano entrati in una prestigiosa villa contemporanea a Changsha, un luogo distante dagli abituali percorsi turistici nel paese della seta.

Changsha è una metropoli di 6 milioni di abitanti, capoluogo dell’Hunan, una provincia della Cina centro-meridionale. Non è precisamente dall’altra parte del mondo, ma poco ci manca. Fatta di antiche pagode, casermoni popolari e ambiziosi progetti architettonici (dal grattacielo più alto del mondo al Centro Culturale di Zaha Hadid Architects), Changsha è una città dal mix culturale che ha attraversato lo spazio e i tempi fino ad arrivare al design moderno dell’Occidente nella sua espressione più raffinata. Un esempio dell’inarrestabile diffondersi e intrecciarsi di mondi diversi è questa grande villa che abbraccia la bellezza rigorosa ed essenziale creata dal made in Italy dagli anni Sessanta ad oggi.

 

Al centro del living a doppia altezza si raccoglie la composizione di divani Tufty-Time, una rivisitazione del classico divano Chesterfield disegnata da Patricia Urquiola per B&B Italia.

La poltrona Up disegnata da Gaetano Pesce nel 1969 e rieditata nel 2000 da B&B Italia

La poltrona Up disegnata da Gaetano Pesce nel 1969 e rieditata nel 2000 con il rivestimento originale è protagonista indiscusso dello spazio.

 

Dall’esterno entra solo tanta luce, la villa chiude fuori dalla porta ogni confusione, quasi nascesse per antitesi alle trafficate strade metropolitane e ai suoi spazi soffocanti. Le pareti sono state ridotte al minimo per dare grande respiro all’ambiente e i pochissimi elementi decorativi sottolineano lo spazio con segni forti e decisi. L’approccio minimalista dell’interior design esalta i pochi pezzi che compongono l’arredo.
Nel living a doppia altezza - con una meravigliosa scala a chiocciola aperta che porta al piano superiore - la composizione di divani larghi e profondi (Tufty-Time di Patricia Urquiola per B&B Italia) si delinea chiaramente creando una grande isola, un luogo d’incontro ospitale e rifugio accogliente.

 

la scala a chiocciola si inserisce nell’ambiente come una scultura.

Capolavoro di progettazione, la scala a chiocciola si inserisce nell’ambiente come una scultura dagli scorci sorprendenti ad ogni gradino.

 

Siamo tentati a volte di pensare che arredare uno spazio grande sia più semplice da arredare, in realtà per esaltarlo davvero è necessaria la sensibilità di uno scenografo capace di “mettere in scena” i pezzi. Nella sala da pranzo sono due icone dell’illuminazione a determinare l’impatto visivo. Sullo sfondo grigio delle pareti che in un continuo diventano soffitto, si stagliano  - preziosissime  - la lampada 2097 disegnata da Gino Sarfatti nel 1958 e la celeberrima Arco di Achille e Pier Giacomo Castiglioni del 1962 (entrambe di Flos).

 

La sala da pranzo uniformemente grigia regala uno sfondo perfetto per esaltare le icone dell’illuminazione di design. Sullo sfondo si intravvede il divano Bend disegnato da Patricia Urquiola per B&B Italia.

 

Aperta sulla grande sala da pranzo, la cucina è un allegro alternarsi di armadi contenitori e elettrodomestici dettato dalla funzionalità degli elementi che ruotano intorno all’isola centrale con il bancone snack. Per i pranzi con la famiglia al completo al tavolo della sala sono state scelte le sedie Papilio di Naoto Fukasawa. Disegnate all’insegna della leggerezza e del comfort, per il famoso designer giapponese sono “Una seduta con la forma che potrebbe avere il relax se fosse rappresentato da un’immagine”.

 

Il bagno e la camera da letto padronale collegati da un vestibolo circolare.

Il bagno e la camera da letto padronale collegati da un vestibolo circolare.

 

Non è certamente una scoperta che l’armonia e la bellezza siano un linguaggio estetico universale, un sentire comune capace di oltrepassare qualsiasi frontiera o barriera culturale e unire mondi lontani e molto diversi fra di loro. La villa di Changsha, la villa delle icone del design come abbiamo voluto chiamarla, ne è un’ulteriore conferma e una ragione in più per proseguire alla loro ricerca.

 

image

Project info

Villa in città  
Luogo:
Changsha, Repubblica Popolare Cinese

Fornitura d’arredo:
>> Brand Channel
B&B Italia

Progetto di interior design:
8c_art_space

Styling:
rogerliao.loro

Foto:
Courtesy B&B Italia
CreditsZhuhai

condividi su: