1. Home
  2. Speciali
  3. Speciale Cersaie 2018
  4. La Città della Posa: il punto d’incontro tra produzione ed esecuzione!

Cersaie: Città della Posa

| redazione designbest

M

ai come ora l’aggiornamento professionale e l’acquisizione di conoscenze tecniche e operative nel settore della ceramica e dei materiali da rivestimento, rappresenta la chiave competitiva che fa la differenza nella qualità dei progetti edilizi, dell’architettura e della architettura d’interni.

La Città della Posa, giunta alla sua 7a edizione e collocata in uno spazio rinnovato all’interno del Padiglione 31A, è prima di tutto un laboratorio in ‘real time’ dedicato agli specialisti e ai tecnici del settore: un luogo di aggiornamento e di confronto sulle ultime frontiere delle tecniche e delle tecnologie che assicurano l’espressione massima sul piano estetico e prestazionale del materiale da rivestimento.

La Città della Posa si qualifica come uno dei momenti ‘professionali’ più articolati e interessanti del Cersaie: seminari tecnici e workshop dimostrativi si alternano a laboratori ed esercitazioni pratiche indirizzate non solo ai tecnici posatori ma anche ad architetti, ingegneri e geometri.

Per l’edizione 2018, la Città della Posa ha riservato ai propri visitatori sei contenitori tematici dedicati ai temi classici della professione nei quali tecnici specializzati sono a disposizione dei visitatori per approfondimenti e consulenze, coadiuvati anche da strumenti audiovisivi e grafici

Per il pubblico interessato agli aspetti innovativi del comparto, è l’occasione per vedere all’opera i maestri piastrellisti italiani, sotto l’egida di Assoposa. Si cimenteranno nella messa in opera di rivestimenti di grandi formati - tra le tendenze più cool del momento - fornendo tutte le informazioni e rispondendo a tutti i tecnicismi di chi vuole saperne di più.

Lo spazio espositivo è suddiviso in quattro aree tematiche legate alla professione: la sicurezza del cantiere, la logistica e il trasporto delle grandi lastre, i tagli speciali, la vena continua in caso di utilizzo di grandi lastre. E’ anche previsto un quinto spazio dedicato all’illustrazione delle iniziative in programma nei mesi a venire oltre alla presentazione di un libro commemorativo sui primi cinque anni di vita di Assoposa.

Infine, a testimonianza dell’eccellenza e della creatività dei maestri piastrellisti italiani, l’allestimento della Città della Posa è arricchito da un porticato progettato dall’architetto Valentino Scaccabarozzi.

 

condividi su: