1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Eventi
  4. A New York, un viaggio nei colori

Saturated: The Allure and the Science of Colour (courtesy Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum)

| redazione designbest

“I

l colore è un potere che influenza direttamente l’anima” diceva Kandinsky. Ed è proprio a questo potere che il museo Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum di New York ha dedicato una mostra.

Se avete in programma un viaggio negli Stati Uniti, non perdetevi questa occasione: è l’ultimo week end a disposizione per poter visitare Saturated: The Allure and the Science of Colour.

Ad attendervi è un viaggio in un universo sfaccettato e arcobaleno diviso in sette grandi sezioni, dove lo sguardo passa vorticosamente dalle opere più iconiche dei designer considerati i maestri del colore, alle pagine delle rarissime prime collezione della Biblioteca Smithsonian, fino agli oltre 190 oggetti che attraversano epoche e culture.

Si comincia dagli scritti dove il colore sembra danzare tra sfere, coni, griglie e mappe grafiche che danno voce a naturalisti, chimici e artisti. C’è Coloritto di Jacob Christophe Le Blon del 1725, il primo testo a documentare come creare i colori secondari miscelando i colori primari, oppure Opticks di Isaac Newton, lo scienziato che all’inizio del Settecento sperimentò la luce attraverso un prisma e c’è La Teoria dei colori di Johann Wolfgang von Goethe del 1810, un saggio sulla percezione del colore.

Il racconto passa poi agli oggetti, da quelli contemporanei che indagano l’aspetto psichedelico del colore come la lampada a sospensione J.M. Shmetterlind di Ingo Maurer (2011) o i manifesti di Victor Moscovo del 1967, a quelli antichi che si fanno testimoni della creazione del colore come i vasi aryballos della Siria del III e V secolo o l’huipil, il tradizionale indumento messicano colorato con tintura di lumaca marina.

Colori naturali e colori sintetizzati in laboratorio si mescolano e il museo diventa una grande tavolozza che parla anche di comunicazione (un esempio su tutti è il diagramma della metropolitana di New York di Massimo Vignelli che nel 1974 usò una palette di 8 colori per codificare il complesso sistema di trasporti della città), di ricerca e di stile (basta soffermarsi davanti ai tessuti Dècor di Verner Panton in cui otto tonalità di turchese proiettano motivi geometrici giocando con le gradazioni di colore).

Il percorso espositivo è una scoperta continua che ci rivela quanto i colori influenzino la nostra vita. Non a caso dalla moda alla cosmesi fino all’interior design, gli addetti ai lavori hanno imparato un codice univoco per trattare tutti i colori, imparare ad utilizzarli per alterare la percezione di un prodotto e prevederne le tendenze.

Saturated punta l’attenzione su questa consapevolezza e ci racconta, in un caleidoscopio scenografico e suggestivo, la relazione intrinseca tra l’uomo e le sfumature del mondo.

 

Dove: Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum, 2 East 91st Street, New York

Quando: Fino al 13 gennaio 2019

 

condividi su: