1. Home
  2. Store & Eventi
  3. Eventi
  4. I-MADE, il nuovo appuntamento del Made in Italy a Londra

I-MADE - Saatchi Gallery London  (ph: courtesy of Saatchi Gallery) 

| redazione designbest

M

ancano pochi giorni all’inaugurazione di I-MADE (Italian Manufacture, Art. and Design Exhibition), la prima esibizione dedicata al design italiano che si svolgerà in concomitanza con il London Design Festival nella capitale londinese. Tra i partecipanti (ben 50 provenienti da tutta Italia) spiccano già i nomi più importanti del design: primo fra tutti Cappellini che in qualità di ambasciatore del design italiano nel mondo non poteva che essere scelto per la curatela di questa nuova iniziativa, sostenuta anche dalla partnership di Designbest.

"Siamo entusiasti di lanciare una piattaforma a Londra che riunisca e celebri il meglio del design italiano, in una città che ha una cultura del design così forte” ha dichiarato Elena Foschi, direttore di I-MADE. E “siamo lieti di farlo al Saatchi Gallery durante il London Design Festival, con un pubblico globale in uno dei luoghi più prestigiosi della capitale".

Innovazione, eccellenza del Made In Italy, manifattura artigianale: sono questi i cardini su cui punta questa nuova manifestazione, che vuole raccontare e trasmettere a tutto il mondo la passione, la tradizione e l’iconicità dei brand e dei designer italiani. Il programma dei quattro giorni, infatti, prevederà all’interno della Saatchi Gallery nel quartiere di Chelsea una serie di workshops, talks e incontri proprio con i rappresentanti di spicco del design, stimati artigiani e imprenditori pronti a spiegare l’anima dei propri progetti.

 

I-MADE 2019

Sketch of I-MADE satellite exhibition Take a Seat by curator Giulio Cappellini

 

Ad aprire il programma sarà INTERNI il 20 settembre con il talk "La rinnovata qualità del design Made in Italy" a cui parteciperanno il direttore del London Design Museum Deyan Sudjic, l'architetto Aldo Cibic, Claudio Lazzarini e Carl Pickering di Lazzarini Pickering Architects e l'artista Richard Woods.

Ma si parlerà anche del ruolo del design industriale e del connubio con la cultura artigianale, di trend dell’interior di lusso e delle co-creazioni manifatturiere grazie agli innumerevoli interventi di altri professionisti del settore, da Patricia Urquiola, designer e creative director di Moroso al designer David Chipperfield, da Giulia Molteni, responsabile marketing e comunicazione di Molteni&C | Dada al CEO di BoffiDe Padova Roberto Gavazzi, da Mark Anderson, direttore dell’Istituto italiano di moda e design Marangoni a Tèrence Coton, designer e ambasciatore dell’Istituto Marangoni.

Luxury design e manifatturiera artigianale saranno i protagonisti assoluti di questa “maratona del Made in Italy” che non poteva trovare migliore location della Saatchi Gallery, il museo icona dell’arte contemporanea. 3 piani espositivi, 13 gallerie, 2500 mq dove una serie di installazioni open space trasformeranno ogni prodotto in un oggetto d’arte, per evidenziare il connubio perfetto di innovazione tecnologica, dinamicità, antiche maestrie e tradizione che fa del tailor-made italiano un’eccellenza a livello mondiale.

 

"I-MADE esplora non solo i progetti belli, ma funzionali e innovativi che hanno modellato il panorama produttivo italiano e continuano a influenzare il design a livello globale” ha spiegato Giulio Cappellini, curatore e art director di I-MADE. Ecco perché il direttore artistico dello studio Cappellini ha scelto di dedicare anche un omaggio speciale a uno degli oggetti di design più studiati, discussi e interpretati, la sedia. Take a seat, infatti, è l’esposizione satellite che farà da vetrina a coloro che hanno fatto la storia di questo pezzo archetipo. Per evidenziare l’eclettismo del design italiano, in mostra ci saranno i modelli firmati da marchi come Ceccotti Collezioni, De PadovaDriadeFlexformGiorgettiMDF ItaliaMolteni&CMorosoPoltrona FrauUnifor e molti altri.

 

 

I-MADE sarà l’occasione perfetta per conoscere i più famosi brand del design, da Moroso che sarà presente con le ultime collezioni tra cui il nuovo divano Gogan di Patricia Urquiola, l’inaspettato divano Heartbreaker e le sedie Precious di Johannes Torpe a Luceplan con le sue lampade pendenti e da terra, da Flaminia Ceramica che svelerà il connubio tra sua tecnologia all’avanguardia e l’approccio tradizionale per i prodotti bagno a Martinelli Luce con l’iconica Pipistrello di Gae Aulenti o l’innovativa Elica di Brian Sironi, da Calligaris con la sua classica sedia Ines di Busetti Garuti Redaelli a Tonelli Design con i suoi arrredi in vetro, da Alias che mixa pezzi iconici e contemporanei a Ethimo ed Emu, con le collezioni outdoor" fino ad Artemest, partner ufficiale dell’e-commerce della fiera che nella sua piattaforma ospita oltre 700 tra i migliori artigiani e designer d’Italia.

Non mancheranno, infine, i brand pronti a festeggiare importanti traguardi, come Living Divani che celebrerà il suo cinquantesimo anniversario con la mostra Frog Lounge Chair di Lissoni, o Poltrona Frau che commemora il decimo anno della sua iconica poltrona Archibald disegnata da Jean-Marie Massaud; MDF, che coglierà l’occasione per festeggiare la prima decade di due prodotti importanti, il tavolo Tense di Piergiorgio Michele Cazzaniga e la collezione Flow di Jean Marie Massaud con nuove dimensioni, materiali e finiture e Poltronova che festeggerà i 50 anni della produzione della poltrona Mies di Archizoom, progettata nel 1969 come tributo al grande architetto Mies van der Rohe. E per brindare come si deve ai tanti traguardi, I-MADE celebrerà anche i 100 anni del leggendario Negroni, con short e spritz offerti da Campari a tutti i visitatori.

Cultura del design, patrimonio italiano e anche un pizzico di divertimento spiccano in questa nuova piattaforma che ha scelto come base Londra proprio per la sua forte capacità di promuovere il design a livello globale. Un esempio su tutti? La Thinking Man’s Chair disegnata dal designer inglese Jasper Morrison e scoperta per la prima volta proprio da Giulio Cappellini, durante una mostra a Londra nel 1987.

 

Quando: dal 19 al 22 settembre 2019

Dove: Saatchi Gallery, Duke of York's HQ King's Road London SW3 4RY

 

       Ticket online >

 

 

 

 

condividi su: