1. Home
  2. Tutorial
  3. Sedie da pranzo: 4 consigli per scegliere quelle perfette

Riflessi

| redazione designbest

S

cegliere la sedia giusta per la cucina o la sala da pranzo può risultare difficile, perché le varianti da considerare sono tante. E non stiamo parlando solo di stile. Se da una parte, infatti, è indubbio che le sedie debbano stare bene con il tavolo ed essere in armonia con il resto dell’arredo (come ad esempio il divano e le poltrone nel caso di un living open-space), è vero anche che devono avere caratteristiche tecniche precise, perché siano comode e resistenti. Ecco perché Riflessi sceglie per le sue sedie le soluzioni tecniche più innovative e i materiali migliori prodotti in Italia.

Imbottiture indeformabili resistenti a pressioni e usura, schienali flessibili che accompagnano i movimenti sostenendo la schiena, fasce elastiche che aumentano il comfort delle sedute, tessuti certificati resistenti, ignifughi e antimacchia: prima di acquistare la sedia giusta bisogna valutare tutti questi aspetti. E considerare anche il nostro stile di vita. Ecco quattro esempi pratici per orientarsi:

1 Animali e bambini in casa

Chi ha in casa bambini o animali, dovrebbe prestare la massima attenzione ai rivestimenti: i migliori sono resistenti, antimacchia e facili da pulire, come il tessuto Smacchia di Riflessi, che si pulisce con un colpo di spugna. Dotato di una speciale tecnologia e di uno strato protettivo in fibre sintetiche che funziona come una barriera elastica e flessibile, questo tessuto si lava semplicemente con acqua e non si sfilaccia perché resiste persino alle unghie del gatto. Non solo. Il tessuto Smacchia è anche antistatico ed evita che si accumulino peli o cattivo odore degli animali domestici.

2 Indecisi sullo stile

I colori a disposizione sul mercato sono davvero infiniti. Per accontentare anche gli indecisi ed evitare di dover rivestire le sedie con tinte diverse, Riflessi propone sedie in tessuto Smacchia o similpelle da mescolare a piacere. Ovvero, non è d’obbligo ordinare una serie completa di sedie identiche, ma si può ordinare una sedia Slim per colore e mescolarle a piacere. Volendo, Riflessi realizza anche tanti modelli sfoderabili e persino sedie con rivestimenti bicolore.

3 Comfort sartoriale

Se seduta e schienale sono troppo rigidi, o troppo soffici, la comodità a lungo andare ne risente. Ecco perché Riflessi ha pensato a una serie di sedie ergonomiche: lo schienale flessibile Flex si adatta alla curvatura lombare, mentre le fasce elastiche nascoste sostengono la seduta senza rovinare l’estetica della sedia. Ci sono poi anche modelli a poltroncina, come Carmen, che ha i braccioli in schiuma di poliuretano flessibile, per abbracciare e accogliere il corpo regalando il massimo comfort.

4 Su misura a tutto tondo

Qualità sartoriale, dettagli haute couture, flessibilità, comfort ed ergonomia. Da una sedia vorremmo tutto questo. Dai modelli imbottiti a quelli impilabili, dalle più “flessibili” a quelle multicolor, i modelli proposti da Riflessi sono davvero tantissimi, in una gamma di forme e colori infinita. E racchiudono in uno stile contemporaneo praticità e relax, per rispondere a qualsiasi esigenza. Eppure Riflessi non si ferma qui e per accontentare proprio tutti permette di personalizzare la sedia in tutto e per tutto, In fondo la scelta di una sedia è dettata dal gusto personale e dalle esigenze di arredo, ma sono sempre i particolari a fare la differenza. E avere un modello unico e su misura è una questione di stile.

 

SFOGLIA LA GALLERY

condividi su: